CANTINE DI NESSUNO, CATANIA, ETNA, VINI DOC, VINI DELL'ETNA, NUDDU, NESSUNO, ULISSE, POLIFEMO, MONTE ILICE, ETNA, ETNA ROSSO
© 2016  www.cantinedinessuno.it

​​Territory

{

ETNA

UNESCO Natural World heritage site

 

Mount etna is one of the most active volcanoes are iconic in the world and one extraordinary examples of geological processes are continuous and the volcanic formations.

The stratovolcano is characterized by almost continuous eruptive activity from the craters of the summit and fairly frequent eruptions, and

lava flows from the craters and fissures on its flanks.

 

This exceptional volcanic activity has been documented by humans for at least 2,700 years and is one of the most long recordings

documented the world's volcanic history.

 

The diverse and accessible assemblage of volcanic features such as summit craters, cinder cones, lava flows, lava caves

and the depression of the Valle del Bove have made Mount ETNA a prime destination for research and education.

Today Etna is one of the volcanoes of the world the best studied and monitored, and continues to influence volcanology, geophysics and other

disciplines of earth sciences.

 

The fame, the scientific importance and cultural and educational value are of global importance.

 

VIGNETI

Le vigne si trovano in uno dei posti più belli del parco dell’Etna, una zona punteggiata da ripidi conetti eruttivi spenti che guardano direttamente il mare.

 

Siamo sul versante Sud-Est dell’Etna, a circa 12 km da Catania, nel comune di Trecastagni,

in località Monte Ilice e Carpene, ad un’altitudine che varia tra i 700 e i 900 mt.

 

Un particolarissimo microclima, unico per l’elevato gradiente termico giorno - notte

(nel periodo primaverile-estivo ha escursioni termiche fino a 30°) e per il terreno vulcanico sabbioso, particolarmente drenante e ricchissimo di minerali a reazione subacida.

 

eyJpdCI6ImV0bmEsIGNvbnRyYWRhIGNhcnBlbmUsIGNhbnRpbmUgZGkgbmVzc3VubywgZXRuYWRvYyJ9eyJpdCI6ImV0bmEsIGNvbnRyYWRhIGNhcnBlbmUsIGNhbnRpbmUgZGkgbmVzc3VubywgZXRuYWRvYyJ9eyJpdCI6ImV0bmEsIGNvbnRyYWRhIGNhcnBlbmUsIGNhbnRpbmUgZGkgbmVzc3VubywgZXRuYWRvYyJ9

We are out of the ordinary, heroic viticulture, yields very low, very high production costs, but with a valuable product.

 
{

MONTE ILICE

 

Il Monte Ilice è un cono vulcanico inattivo che si eleva ad una altezza di 908 m s.l.m. e presenta una depressione vulcanica del cratere, che gli conferisce una pendenza di oltre il 40%, dando l'obbligo agli operatori di eseguire le lavorazioni manualmente.

 

Il cono eruttivo si sarebbe formato intorno al 1030 d.C., con la fuoriuscita di una colata lavica che percorse circa dieci chilometri, no al mare di Pozzillo. Il suo nome deriva dal leccio (Quercus Ilex), che abbonda nel territorio del monte. Il rilievo è all'interno del Parco Regionale dell'Etna, e lungo il suo dorso esposto a levante sorgono i vigneti di Cantine di Nessuno, dove si raccoglie nerello mascalese e mantellato, carricante e catarratto.

 

Una teleferica artigianale raggiunge quasi la sommità del Monte, costruita per aiutare il lavoro degli operatori.

 

Un progetto prevede l’inserimento di una monorotaia per consentire anche ai visitatori di godere dello splendido panorana in vetta al Monte Ilice, di fronte al mare e con l’Etna alle spalle.

 

 

 

 

pendenza

« Tu non sei mai stata a Monte Ilice [...]. Bisognava venire qui in campagna, fra i monti, ove per andare all'abitazione più vicina bisogna correre per le vigne, saltar fossati, scavalcar muricciuoli, ove non si ode né rumor di carrozze, né suon di campane, né voci di estranei, di gente indifferente. Questa è campagna! »

 

G. Verga - Storia di una capinera

{

CONTRADA CARPENE

 

Alle spalle del dorso di Monte Ilice rivolto a sud e confinante con Monte Gorna, altro conetto vulcanico con la naturale funzione di gronda ("gorna"), si trova contrada Carpene dove l'Azienda nel piccolo palmento ospita le degustazioni e coltiva un vigneto di Nerello mascalese e nerello cappuccio (o mantellato) e, in parte carricante, catarratto e minnella.  

 

Siamo a quota 750 - 800 mslm alle spalle del Monte Ilice, con un folto bosco in sommità, dove la sorge una casetta rurale che la storia dice essere quella dove si rifugiò la famiglia di Maria, protagonista di Storia di una capinera di Giovanni Verga, per sfuggire all'epidemia di colera che colpì Catania nell'estate del 1854.

Create a website